Come scegliere creme e cosmetici di qualità

creme come scegliere

Ecco alcuni consigli utili per scegliere creme di qualità, salutari per la nostra pelle:

  1. Leggere sempre l’INCI, cioè l‘insieme di ingredienti che compone il prodotto e si trova solitamente nel retro della confezione. Tutti gli ingredienti non sono mai scritti in italiano, ma in latino o in inglese.
  2. La maggior parte degli ingredienti che finiscono in “-ONE” (come il Dimethicone), sono dei siliconi, ovvero delle sostanze che fungono a fare da barriera sulla pelle o sui capelli dando una sensazione esterna di setosità e morbidezza. Quello che in realtà accade è che esternamente la pelle è soffice, ma internamente non è idratata perché questa barriera non la fa respirare. Lo stesso vale per i capelli, quindi sono ingredienti che vanno evitati soprattutto nei prodotti che utilizziamo quotidianamente.
  3. Evitate come la peste tutti i prodotti che contengono parabeni. Li riconoscete facilmente perché finiscono in “-PARABEN” (come il Propyl-paraben, ethyl-paraben). Questi ingredienti sono sotto accusa perché potenzialmente cancerogeni, infatti ormai sempre più spesso troviamo scritto in evidenza “paraben free” sulle confezioni. Purtroppo però c’è ancora chi lo utilizza, quindi è sempre bene dare un’occhiata.
  4. Quando leggerete “paraffinum liquidum” oppure “petrolatum” o “mineral oil“, si parla di un derivato del petrolio, usato tantissimo nella cosmesi. La sua funzione è la stessa dei siliconi, per questo viene usato tantissimo nelle creme corpo e viso (la Nivea è composta per la maggior parte da questo ingrediente).
  5. L’INCI dei prodotti segue la stessa regola degli ingredienti alimentari: il primo ingrediente è quello maggiormente presente e mano a mano si va a scendere, fino all’ultimo ingrediente che è quello meno presente.
  6. Tutti i coloranti sono contrassegnati dalle lettere “CI” seguite da cinque cifre (esempio: CI 77492).
  7. Non acquistate alcuno smalto che presenta “formaldeide” o “toluene”. Vale lo stesso discorso dei parabeni, ormai viene specificato che ne sono privi ma c’è sempre qualcuno che continua ad infilarceli, soprattutto negli smalti rinforzanti.
  8. Tutti i nomi delle piante e dei principi naturali sono scritti in latino seguiti da parole in inglese che specificano l’estrazione della pianta, quindi ad esempio non troverete mai scritto “aloe vera” ma “aloe barbadensis leaf juice”.
  9. Nei deodoranti evitate quelli che presentano fra gli ingredienti l’alluminio (solitamente scritto “aluminum”): non permettono la naturale traspirazione della pelle e c’è anche chi sostiene che sia cancerogeno.
  10. Per i primi tempi nei quali magari potreste trovare difficoltà a ricordare tutti questi nomi, tenete sempre in tasca il cellulare e visitate http://www.biodizionario.it/ . Qui potrete inserire gli ingredienti e capire se sono buoni oppure no. Se sono “verdi” vanno bene, “gialli” non sono buonissimi ma neanche fanno male, “rossi” vanno evitati. Ovviamente se un prodotto ha più pallini gialli ma tutti alla fine ed il resto è verde, andrà bene lo stesso perché significa che saranno presenti in minore quantità.
Precedente Essere "in carne" è sintomo di salute? Successivo Succo di Aloe Vera: dove si compra?