Depilazione ceretta Araba fai da te: zucchero e limone

ceretta araba

Dopo aver provato lo scrub naturale al mais o quello allo zucchero la pelle è pronta per una ceretta araba, poco irritante e biologica, nonchè ecologica perchè gli ingredienti fanno bene anche all’ambiente: pochi imballi, prevalentemente carta e buccia di limone, scarti della depilazione che si sciolgono in acqua e possono andare nell’organico.

Si tratta della ceretta araba particolarmente indicata per depilare parti delicate come inguine e baffetti, perché è una ceretta indolore, molto usata anche per la depilazione maschile e per la depilazione totale.

Si prepara in casa con un pentolino abbastanza grande da contenere comodamente gli ingredienti. Potete farne quanta ne volete perché si conserva per circa 6 mesi in luogo fresco e asciutto. Si usa senza strisce: lo strappo avviene direttamente con la cera. E’ molto meno dolorosa della ceretta tradizionale e i risultati sono ottimi. La pelle rimane molto morbida. E’ idrosolubile e quindi con un poco di acqua calda spariscono tutti i residui. Basta prenderci un po’ la mano e i risultati sono strabilianti.

Le dosi sono in cup, se non avete i dosatori americani per le conversioni potete consultare le tabelle di Cibo360°, o quelle di cookaround o quelle di Wikipedia.

Ceretta araba dosi e ingredienti

Le dosi per una cera che dura per circa 2-3 volte sono:

  • zucchero bianco o di canna 2 cup
  • succo di limone 3 cucchiai
  • acqua 3 cucchiai

Mettete gli ingredienti in un pentolino (antiaderente oppure no è indifferente). A fuoco medio sciogliete lo zucchero fino ad ottenere una miscela omogenea e liquida. Rimescolate di frequente con un cucchiaio di acciaio. Quando il composto è liquido spostate il pentolino sul fuoco più basso della vostra cucina e tenetelo al minimo, in modo tale che la ceretta sobbolla facendo bolle ampie e senza “gonfiare” eccessivamente.

ATTENZIONE
Il composto appena preparato supera i 100 gradi ed è estremamente pericoloso.
Si raccomanda di usare opportune precauzioni e protezioni per maneggiarlo nelle fasi successive.
Il composto non deve essere toccato a mani nude nelle immediate 12 ore successive alla sua preparazione.

Quando il composto diventa di color ambra spegnete il fuoco, lasciate raffreddare per un paio di minuti e travasate in un contenitore basso e largo anche di plastica.

Come si usa la ceretta araba

Quando il composto sarà ben freddo (normalmente si consiglia di prepararla il giorno prima) le fasi della depilazione sono molto semplici, ma anche in questo caso ci vuole un po’ di manualità, che si acquisisce con un po’ di pratica.

  1. preparate le gambe passando un po’ di talco
  2. a questo punto pulite bene le mani
  3. inumidite le mani con una goccia o due di alcol
  4. staccate un po’ di cera, l’equivalente di una noce o poco più a seconda della larghezza della parte da trattare, facendo attenzione che non si appiccichi alle dita
  5. lavorate la cera con le mani con movimenti veloci perché non si appiccichi alle dita o al palmo, fino ad ottenere una pallina
  6. stendete la cera sulla pelle con gesto rapido e deciso in senso contrario alla crescita del pelo e quindi strappate subito seguendo il senso di crescita. Come avrete notato si usa al contrario delle altre cerette, potete anche provare ad usarla in entrambi i sensi e valutare come vi trovate meglio
  7. la pallina è da gettare quando diventa bianca e molto appiccicosa

La versione più semplice della ceretta araba

Questa è la ricetta della ceretta araba tradizionale, che ha la nomea di essere difficile da preparare. Soprattutto le prime volte quello che succede è che la cera una volta solidificata non sia poi malleabile, diventa dura e impossibile da lavorare con le mani. Questo perché lo zucchero cristallizza. Per evitarlo è necessario controllare molto attentamente la temperatura e aggiungere il .

Oltre a pazienza, pratica, qualche tentativo non riuscito è necessario conoscere alcuni trucchi che aiutano a semplificare il processo, che di fatto è un processo chimico e quindi controllabile attraverso gli elementi che entrano in gioco: ingredienti, dosi e calore, quest’ultimo come già ricordato è un fattore determinante per la buona riuscita della ceretta araba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*